SVEGLIA… è ora di alzarsi!

Il risveglio è davvero molto importante, molte volte ci svegliamo nel modo sbagliato perché non abbiamo messo la sveglia oppure perché la nostra sveglia fa un rumore troppo forte, e il suo allarme ci fa letteralmente saltare giù dal letto. Se non hai un bioritmo regolare e fatichi a svegliarti da solo, la sveglia, può venire in tuo aiuto, e considerata la vasta gamma in commercio, troverai sicuramente il modello adatto alle tue esigenze. Uno strumento che ha rivoluzionato il nostro modo di svegliarci, un orologio che ti da la possibilità di emettere un suono, all’ora indicata, in maniera automatica, ecco la grandissima caratteristica della sveglia, che ci aiuta ad alzarci, tutti i giorni dell’anno, senza troppi sforzi.

Le sveglie con più funzioni, oggigiorno permettono anche di segnalare la temperatura della stanza oltre che la data e morte altre funzioni, per arrivare fino alla radiosveglia, che ti permette di svegliarti con la tua musica preferita. Le sveglie moderne sono ormai digitali, e danno la possibilità anche di registrare le stazioni della radio che più ti piacciono, così da farti svegliare con una melodia diversa tutti i giorni. Può anche acquistare una sveglia con USB connessa per lettori mp3, così da poter davvero scegliere con che melodie svegliarsi la mattina.
In generale, storicamente la sveglia ha una vita molto lunga, perché nasce molto tempo fa, e all’inizio faceva parte di un orologio con allarme, e si parla si sveglia analogica, mentre duramente la sua evoluzione è diventata digitale, aumentando esponenzialmente il numero delle sue funzioni e dal tipo di display, appunto digitale.

A differenza delle sveglie digitali, quelle analogiche vanno auto programmate, tramite una rotella che solitamente si trova nella parte posteriore della sveglie; le sveglie digitali, al contrario, ti danno la possibilità di auto programmarsi. Quindi una volta che avrai stabilito l’orario, non avrai bisogno di programmarlo tutti i giorni. La tecnologia che sta dietro la creazione delle sveglie digitali, infatti, è molto più avanzata rispetto a quelle tradizionali, a partire dal meccanismo di funzionamento che il quarzo rende possibile. Questo perché è un materiale molto diffuso, facilmente reperibile ed estraibile, quindi la batteria al quarzo riposando molto bene agli impulsi elettrici della corrente, permettendo il funzionamento digitale della sveglia.

La mitica radiosveglia

Funzionano a batteria e/o a corrente, e hanno rivoluzionato il concetto di sveglia con suono di allarme, perché il suono diventa la tua musica prevista, sicuramente meglio che svegliarsi con il PI PI PI PI PI, che molte volte non aiuta un risveglio tranquillo, ma più che altro traumatico, se il suono della sveglia è particolarmente forte e fastidioso.

La radiosveglia funziona in maniera molto semplice, basterà registrare le stazioni radio preferite, e ogni mattina ti sveglierai con una canzone che ti piace, è sempre diversa. Puoi anche optare per i modelli con porta USB, ai quali potrai collegare il tuo mp3, e selezionare la musica con la quale vuoi risvegliarti al mattino, per esempio. Ce ne sono davvero per tutte le esigenze, ovviamente a prezzi diversi, quindi comincia a controllare le offerte sul web e leggi le recensioni degli utenti online, in modo da riuscire a fare l’acquisto perfetto.

La grande ma piccola micro SD!

Probabilmente si tratta di una delle trovate della tecnologia, che più rispecchiano il cambiamento generazionale del 2000, un millennio che ci sta regalando davvero molto dal punto di vista della nostra mobilità, perché molto di quello che facciamo online oggi succede quando siamo in giro. Quasi tutti dispongono di dispositivi portatili, che ci aiutano a comunicare e a fare davvero tutto quello che vogliamo, on the go, cioè anche mentre siamo in viaggio per esempio. Si tratta di una buona invenzione che va incontro alle esigenze del nuovo millennio.

Può capitare che pero decidiamo di salvare i dati dei nostri dispositivi su delle schede di memoria, che permettono di essere a loro volta inserite nei nostri dispositivi personali oppure di altri, e in questo favoriscono ulteriormente la praticità della loro funzione. In questa particolare circostanza, mi sto riferendo alla microsd memoria, che sono delle schede, contenenti della memoria, nella quale puoi mettere le tue app o la tua musica, i video e molto altro. Potrebbe sembrare una scelta facile, ma non e mai davvero così, perché le MicroSD hanno delle caratteristiche ben precise, sopratutto la memoria, troppo spesso sottovalutata.

Partiamo con la classe, forse pochi sanno che le MicroSD sono suddivise in classi, che determinano due fattori molto importanti: la velocità di lettura dei dati e la velocità di trasferimento dati, quindi una scheda con una BASSA velocità di trasferimento, probabilmente costerà poco di più, ma in quanto a prestazioni non ci sono davvero paragoni. Chiaramente, nella tua scelta, punta a classi alte, almeno dalla classe 10 in poi, altrimenti rischi di non essere contento della scheda acquistata. Considerato anche il prezzo irrisorio di questo dispositivo, conviene puntare sulle prestazioni migliori, comincia già adesso a leggere le recensioni di esperti online, e a farti una idea su quale micro SD può rispecchiare meglio i tuoi bisogni, ci sono davvero moltissime opzioni online, con prezzi più che allettanti.

Quanti dati può contenere?

Molo dipende da quanti dati hai bisogno di mettere nella scheda, puoi trovare quelle da 2 GB, ma con le app di oggi, ci faresti poco nulla, perché sono molto ingombranti, come i video. In realtà siamo anche arrivati a schede di memoria che superano i 32GB, quindi hanno anche più memoria degli stessi dispositivi come tablet e smartphone.

Se per un lettore MP3 ti potrai accontentare di schede fino ai 16GB, per gli smartphone dovresti partire almeno da 16GB, soprattutto se intendi utilizzarle molto per le nuovissime app, he occupano davvero moltissimo spazio della memoria. Nel caso specifico delle schede di memoria Micro SD, sono stati inseriti dei codici per identificare quelle più potenti, con tanta memoria, ideali per il tablet o lo smartphone.

I vantaggi della levigatrice

La levigatrice viene generalmente utilizzata per il legno, esistono diverse versioni, da quella portatili a quella elettrica e sono molto diverse tra loro. La levigatrice elettrica, per esempio, è una macchina che permette di levigare materiali molto duri, come quelli utilizzati nell’idraulica e nella costruzione dei cilindri per i motori.

Formata da lame, molto potenti e affilate, fatte di diamante, ossido di alluminio, e carburo di silicio, questo perché questi materiali riescono a sostenere temperature molto alte, oltre che garantire estrema precisione nei tagli. Si tratta di una macchina da fare usare ad esperti perché data la sua potenza di taglio, deve essere r manovrata con estrema attenzione, dato qualche suggerimento al riguardo più avanti. Le lame della levigatrice elettrica ruotano ed oscillano, permettendo di lavorare con materiali duri, assicurando un taglio preciso. Per quanto riguarda le versioni più casalinghe, esiste quella portatile, molto comoda sopratutto per i lavori da fare in casa, non così potente come quella elettrica, ma fa bene il suo lavoro.

Le levigatrici orbitali invece, sono una via di mezzo, molto più potenti di quelle portatili, permettono un utilizzo diversi, indicate per lavori più complicati; le levigatrici a nastro sono molto utili perché sono veloci, e permettono di minimizzare gli sforzi del lavoro, permettendo un risultato da vero professionista. In particolare, le levigatrici orbitali si prestano molto bene ai lavori da falegname, perché si adattano in maniera particolare al legno, anche se NON bisogna utilizzarla su mobili antichi, ma solo su mobili nuovi, perché purtroppo risulta troppo potente, e si rischia di rovinare il mobile di antiquariato. Generalmente, una levigatrice per uso domestico o che decidi di acquistare perché hai la passione per la levigatura del legno, ha sicuramente dei prezzi molto inferiori rispetto alle macchine con lame di diamante usate a livello industriose.

Se si tratta del primo acquisto, e non sai da dove partire, cerca di chiedere informazioni a qualche esperto, perché si tratta davvero di uno strumento abbastanza pericoloso, se utilizzato senza le giuste precauzioni; in linea di massima, devi fare particolare attenzione alla potenza del motore, perché andrà ad influire sull’efficienza della tua levigatrice, e se il motore non è abbastanza potente, rischi di fare fatica sopratutto con i lavori ad alta precisione, e con materiali più duri del legno, in particolare modo. Un altro fattore da tenere sempre in considerazione i dischi, perché dovresti aver la necessità di cambiarli ogni anno, tieni comunque la levigatrice in buono stato e cerca di controllarla sempre prima di utilizzarla.

Cosa fare prima di usarla?

Se cerchi di utilizzare la tua smerigliatrice per lavori di casa, indossa degli occhiali di protezione, perché la potenza di questa macchina fa volare polvere e pezzi di legno, quindi copri bene gli occhi! Stessa cosa vale per le orecchie, sarebbe meglio coprirle con delle cuffie, indicato sopratutto per l’utilizzo di levigatrici professionali e industriali, perché fa davvero un rumore molto forte ed acuto.

Inoltre, NON indossare mai abiti infiammabili, sempre sconsigliato durante questo genere di lavori. Ultimo appunto, riguarda la pulizia della,levigatrice, aspira bene tutta la polvere e qualsiasi eventuale scarto, con un buon aspirapolvere.

Quale lettore DVD scelgo?

Siamo lontano dai tempi della amate video cassette; ricordo che da piccola, avevo occupato una intera libreria con le mie cassette, a casa siamo tutti appassionati di film, e le videocassette occupavano davvero molto spazio. La tecnologia approda in casa nostra offrendoci la possibilità di aumentare la definizione delle immagini, insieme a garantire un sistema salva spazio e super compatto, grazie al lettore DVD.

La grande potenzialità di questo sistema consiste nella possibilità di avere formati audio e video, quindi di ascoltare anche solo la musica, oltre che al mitico avvento del Digital Surround che ti permette di aumentare la capacità sonora, facendoti sentire come al cinema, in casa tua. Il formato Digital Surround ha due categorie: DOLBY DIGITAL e DTS, tra i due il DTS sembra avere avuto più successo per la maggiore qualità sonora, tra i due è quello che assicura un esperienza più simile a quella del cinema, perché in realtà si tratta del sistema utilizzato nei cinema, per la diffusione del suono.

Il VHS, le videocassette non hanno la grande multifunzionalità del DVD, partendo dalla memoria dei file, perché solitamente nei DVD, viene sempre introdotta la parte degliEXTRA, che in un film possono essere quelli dei DIETRO LE QUINTE, per esempio. Inoltre, il DVD ti darà la possibilità di ascoltare il film in lingue diverse, oppure di ottenere più informazioni riguardanti quel film che t piace tanto, perché avrai a disposizione un menu, grazie al quale potrai visualizzare tutti gli extra del film, per esempio.

I lettori portatili DVD che sono in commercio, oggigiorno, possono essere collegati alla tua tv, ancora meglio se disponi di un collegamento HDMI per un’alta definizione nelle immagini, che ti permetterà di visualizzare al meglio il tuo film preferito. Quasi tutti i modelli in commercio sono anche abilitati ai cd file audio, quindi potrai mettere tutta la musica che ti pare, e ascoltarla tramite la televisione; mentre, i modelli più avanzati dispongono di una porta per la lettura della musica in formato MP3. Se credi di avere bisogno di consigli e di opinioni, leggi le recensioni online, compra da rivenditori specializzati e in ultimo, se credi proprio di aver bisogno di una mano per la tua scelta, rivolgiti ad esperti della tecnologia che sapranno consigliarti al meglio. Cerca sempre di acquistare un prodotto che segua le normative per la costruzione e che sia provvisto di una buona garanzia.

Contro la Masterizzazione

Si tratta di un metodo utilizzato per prevenire la fraudolenta masterizzazione di file audio e video, e consiste nel creare lettori DVD, che funzionano secondo fasce di territorio, questo significa che non sara possibile visualizzare file audio e video, se non supportano la regione nella quale lo si vuole visualizzare.

Tutto questo è stato creato come tentativo di prevenzione nei confronti della masterizzazione, che non facilita la vendita di DVD irregolari. Per questa ragione le case produttrici di DVD, hanno creato un sistema di visualizzazione per territorio, minimizzando la possibilità di masterizzazione e quindi di visualizzazione di file creati illegalmente.

L’asciugacapelli che fa al caso tuo!

Il fon o asciugacapelli è diventato uno strumento che troviamo davvero ovunque, dalle camere degli hotel ai nostri bagni, perché la sua struttura permette di essere trasportato davvero ovunque. Non nego che si tratta di un argomento che riguarda sopratutto le donne e i loro amati capelli, dato che almeno tre volte a settimana si lavano, si asciugano e si stirano con il necessario asciugacapelli, sopratutto per prevenire raffreddori o malanni, durante la brutta stagione. In inverno infatti, viene sempre sconsigliato di lasciare i capelli umidi, al contrario bisogna sempre asciugarli bene, proprio per prevenire anche i fastidiosi colpi di freddo.

Sara sicuramente capitato anche a voi, di lasciare i capelli umidi in inverno, anche in casa e di sentire freddo, questo con il fon non succede, perché asciuga i capelli togliendo tutta l’umidità. Prima di acquistare fatti le giuste domande, perché ci sono davvero moltissimi modelli in commercio, e se hai i capelli particolarmente stressati, forse scegli quello con ioni, per esempio, al posto di uno tradizionale. Per quanto riguarda le caratteristiche del tuo asciugacapelli ionic, i commercio oggigiorno se ne trovano per tutti i gusti, partendo dalla sua potenza, espressa in watt, sappi che generalmente il fon si aggira sui 2000w, ma puoi trovarne anche molto meno potenti, e più potenti, come quelli che usano professionalmente le parrucchiere. Quando lo acuisti, solitamente trovi due beccucci, uno per lisciare i capelli, è un altro chiamato diffusore, che aiuta a gonfiarsi mentre si asciugano, particolarmente indicato per i capelli ricci.

La tecnologia, ha poi permesso di realizzare phon di utili a generazione, fatti con rivestimenti di ceramica e tormalina, che aiutano a prevenire la secchezza del capello, evitando che si rovini durante l’asciugatura, e la stessa cosa vale per la nuova generazione che emette degli ioni, infatti si chiama no ionizzatori, perché promettono di asciugare i capelli molto velocemente senza sciuparli. Tutti i phon hanno solitamente pulsanti per regolare l’aria calda, e anche uno per l’aria fredda, che generalmente viene utilizzato come ultimo colpo fissante, per la capigliatura, quindi necessario durante le famose pieghe. Puoi anche trovare dei modelli con un pulsante super forte, che ti permette di asciugare i capelli molto più velocemente, ma non tutti i modelli dispongono di questa potenzialità.

Scegli quello gusto per i tuoi capelli…

La tua scelta seguirà i tuoi bisogni, quindi cosa stai cercando? Asciugacapelli da viaggio o da bagno personale? Sai usare un phon, senza rovinare i capelli? Che funzioni stai cercando? Esistono modelli sul mercato, capaci di rispondere a tutte le tue domande, quindi non esitare e comincia a cercare il modello giusto per te, comincia a prenderti cura dei tuoi capelli nel modo giusto, ti basterà un buon asciugacapelli per avere dei capelli dall’aspetto sano e vivo.

Ultimo suggerimento, in vendita ci sono anche degli spray, che puoi mettere sui capelli bagnati, che proteggono i capelli da eccessive temperature, garantendo un risultato davvero professionale.

Il bollitore elettrico salva tempo

Arriva anche in Italia il mitico bollitore elettrico, il piccolo elettrodomestico che si e diffuso in maniera particolare negli Stati Uniti e nel Regno Unito, per motivi diversi inizialmente, anche se pochi hanno saputo resistere a questa comodissima invenzione. Negli USA ha ottenuto una fame nazionale perché permette di risparmiare molto tempo in cucina, e per questa e molte altri invenzione, gli Americani sono sempre stati ottimi consumatori e sperimentatori, mentre il Regno Unito e probabilmente uno dei più grossi consumatori di the, entrambi questi casi fanno da esempio alla grande diffusione del bollitore elettrico nelle cucine straniere.

Ritornando alla nostra cara Italia, il bollitore elettrico ha cominciato a farsi spazio tra le cucine italiane, da relativamente poco tempo, mentre la sua presenza aveva già preso posto sugli scaffali dei rivenditori specializzati, e passato più tempo per farli arrivare anche nel reparto elettrodomestici casalinghi dei supermercati; questi ultimi, infatti, sono tra i luoghi più frequentati dagli Italiani, tutti i giorni, perché si compra sempre al supermercato, si trova tutto in un solo posto. Concetto salva tempo, anche alla base della creazione de bollitore elettrico, comodo, pratico, veloce da usare e da pulire, e poco ingombrante. Se cucini spesso, chissà quante volte avrai pensato a dover bollire l’acqua, al tempo che ci impieghi e alle padelle che devi tirare fuori, grazie al bollitore elettrico sarà un gioco da ragazzi.

I modelli sono provvisti di manico, piattaforma riscaldante e contenitore di plastica o acciaio inossidabile (solitamente a forma di brocca), con all’interno una serpentina, che elettricamente riscalda l’acqua contenuta nella brocca, hanno un sistema di spegnimento automatico, che permette a questo piccolo elettrodomestico di spegnersi quando arriva a temperatura di bollitura, inoltre un filtro, inserito prima del beccuccio di uscita dell’acqua, solitamente intercambiabile. Trattandosi di un elettrodomestico che entra in contatto con l’acqua, assicurati di aver letto bene le istruzioni e che sia costruito a norma, meglio affidarsi a nomi ben conosciuti anche per una questione di GARANZIA.

Per quanto riguarda le specifiche caratteristiche dei bollitori elettrici, ne esistono di varia grandezza, materiale, colore e forma; molto dipenderà dai tuoi bisogni, da quante siete in famiglia, quante volte lo userai, e dai tuoi gusti personali.
Buone notizie in arrivo perché ne esistono di design diversi e di prezzi diversi, anche se, in linea di massima, si tratterà molto probabilmente dell’elettrodomestico che costerà meno, di tutti gli altri nella tua cucina, ma non per questo il meno pericoloso, quindi scegli sempre con una buona garanzia, e se sarà il caso spendici anche qualche euro di più, ne va anche della sicurezza.

Dove lo puoi mettere?

Grazie alla sua compattezza e all’estrema praticità di utilizzo, il bollitore elettrico e l’elettrodomestico da poter appoggiare ovunque, pesa poco e fa bene il suo lavoro. Sono anche dotati di una luce, che avviserà quando il bollitore comincia a riscaldarsi. una volta che terminerà il suo lavoro, puliscilo con cura ed evita di lasciarlo bagnato. Fai sempre attenzione alla capacita e alla potenza, e se sceglierai bene, bollire l’acqua diventerà un gioco da ragazzi, e senza usare padelle inutilmente.

Pronto…PASSEGGINO? Neonato in arrivo!

Quanti preparativi da fare per il nuovo arrivato, e come tutti i neo genitori sanno, ci sono davvero molte cose da comprare, un bambino infatti ha i suoi costi, che solitamente per vengono attutiti con moltissimi regali ricevuti da amici e sopratutto da parenti, per non menzionare i nonni, che solitamente sono i più entusiasti della notizia. Un elemento che non può assolutamente mancare è il passeggino, e per garantire l’acquisto perfetto serve davvero fare i conti con la varietà di modelli che offre il mercato, soprattutto al giorno d’oggi.

Il passeggino servirà dai primi giorni di vita del piccolo, per questa ragione sarebbe meglio investire qualcosa in più per avere poi la certezza di poterlo utilizzare anche quando il piccolo crescerà, perché crescono davvero molto in fretta, soprattutto a quell’età. Per prima cosa, cerca la praticità perché da mamma, ti capiterà molto spesso di utilizzarlo da sola, quindi ti conviene pensare al modello che preferiresti usare più spesso, per fare tutte le commissioni, quindi qualcosa di pratico e leggero, magari con la possibilità di inserire pannolini, omogeneizzati e biberon. Evita di darti di prezzi troppo bassi o solo del tuo gusto estetico, perché la vera funzione del passeggino, consiste nel farti muovere liberamente, quindi la prima parte del tuo lavoro di scelta consiste nella PRATICITÀ di utilizzo.

Scegliere non è mai facile, ma se ti porrai le domande giuste, riuscirai a soddisfare i tuoi bisogni in men che non si dica, perché ci sono scelte per tutte le esigenze. Acquista un prodotto che abbia i giusti sistemi di sicurezza, non ti avventurare con nomi sconosciuti, almeno non per la prima scelta, cerca qualcosa che senti di poter utilizzare per molto tempo, quindi buoni passeggini leggeri, facili da aprire e da chiudere, facili da spingere, con ruote i media dimensione, che ti permettono di utilizzarli su pavimentazioni irregolari e sui parti, dato che probabilmente andrai molto spesso al parco, per farlo giocare.

Che cosa scegliere?

Pensa alla tua situazione, a dove abiti, a quante volte utilizzi la macchina, come hai intenzione di usare il passeggino, insomma. Se, per esempio, lo userai per fare le commissioni, hai bisogno di un passeggino LEGGERO e FACILMENTE APRIBILE, così come sara facile richiuderlo, infatti ci sono dei passeggini che permettono di chiudersi con una sola mano, molto comodi e pratici, sopratutto se usati in città, molto quindi dipenderà dall’utilizzo principale che hai in mente, per il tuo passeggino.

Il mercato offre molte alternative per andare incontro a tutte le esigenze, non ti sara difficile trovare quello giusto per te, cerca di fare comunque attenzione, e lo scrivo da donna, perché noi ci facciamo trascinare dal senso estetico, che non è sempre la scelta giusta da fare, quindi cerca la sicurezza e assicurati che il prodotto adempia a tutte le normative europee, per la fabbricazione.
Acquista un prodotto con una buona garanzia, e assicurati di poter liberamente contattare la compagnia, nel caso avessi bisogno di pezzi di ricambio, come le ruote, perché può capitare che si rompano.

I vantaggi della pentola a pressione

Sempre più utilizzata ed apprezzata, la pentola a pressione diventa compagna ideale nelle cucine degli italiani dalla metà degli anni 50, fino ad allora questa invenzione francese non aveva avuto una grande fortuna, ed è sempre questione di tempo. Sempre più casalinghe sono molto indaffarate,me non riescono a spendere ore intere a cucinare, tutti i giorni, per cui la pentola a pressione arriva in aiuto, promettendo ottime prestazioni in cucina.

Come funziona?

La risposta è nel suo nome. Rispetto alle pentole tradizionali, la pentola a pressione permette di manette una temperatura costante, senza fare evaporare l’acqua, mentre con le pentola classica, pur mettendo il coperchio si rischia di perdere moltissimo liquido, che evapora. La pentola a pressione, grazie alla chiusura stagna del coperchio, non permette la fuoriuscita di vapore, mantenendo una temperatura di più 100 gradi, costantemente, semplicemente assicurando il coperchio, che solitamente ha una valvola o un manico, che permette la chiusura ermetica.

Le terme partire alte della pentola a pressione permettono ai cibi di cuocersi molto più velocemente, minimizzando il tempo ai fornelli.Considerando che la temperatura nella pentola a pressione raggiunge temperature molto alte, potrebbe serene pericolo utilizzarla, per questo motivo queste pentole sono provviste di due valvole di sicurezza, una per controllo della temperatura, mentre l’altra assicura il coperchio, ed ermetizza la chiusura, per evitare dispersione di calore e vapore acqueo. Avete presente il fischio che si sente, classico della pentola a pressione? Quello è della valvola di controllo, che permette di regolare la temperatura interna della pentola, diverso dalla valvola di sicurezza che invece non permette alla tua pentola a pressione di essere aperta quando è in funzione.

Questo perché purtroppo molte persone credono che la pentola a pressione possa essere pericolosa, segui le indicazioni riportate nelle istruzioni, per utilizzarla senza impiccio, acquista un prodotto con una buona garanzia ed assicurati che segua le normative europee con indicato UNI EN 12778. Esistono modelli diversi, le ultime trovate anche le pentole con cestello, a induzione oppure elettriche che si regolano tramite display digitali, molto dipende da cosa stai cercando; la pentola pressione ti farà risparmiare moltissimo tempo in cucina, senza compromettere il sapore o la qualità dei tuoi manicaretti, anche se ovviamente, la pentola non ti permette di cucinare tutto quello che vuoi, affidati alle istruzioni, nelle quali troverai anche che tipo di cibi puoi introdurvi.

Come si usa?

La pentola a pressione può essere utilizzata per bollire, per cucinare al vapore o per brasare/arrostire, e funziona in maniera molto semplice. Comincia inserendo il cibo, aggiungici sale e qualche spezia, inserisci l’acqua, quindi chiudi il coperchio ermeticamente e accendi il fuoco.

Non mettere troppa acqua, mettine abbastanza da coprire il cibo, perché cuocerà tra mite il vapore della pentola stesso, solitamente trovi un indicatore, che segna il livello massimo di acqua che può essere inserito. Ora sei pronta per cominciare a cucinare le tue potenze al vapore, cerca la pentola a pressione giusta per te e leggi le recensioni.

Viaggia compatto con la bici Pieghevole

Se stai pensando ad un modo pratico per poterti muovere per la città, dovresti cominciare a pensare ad una buona bici pieghevole. Viene sempre usata troppo la macchina, e purtroppo crea molto inquinamento, mentre la bici rappresenta un mezzo di trasporto completamente sostenibile e anti-inquinamento; inoltre, ti permette di fare dello sport e di mantenerti in forma. La bici pieghevole, oltre che ad essere re davvero molto ergonomica, pesa pochissimo e ti permette di metterla davvero dove vuoi, una soluzione molto, pratica, soprattutto se hai poco spazio in casa o al lavoro, e vuoi sempre portarla con te.

Si chiude e si piega in maniera

Il tutto semplicemente, grazie al suo meccanismo di apertura e chiusura; infatti, la bici pieghevole ha un telaio che le permette di snodarsi e di aprirsi, così come di chiudersi, e si ripiega in men che non si dica, il risultato sarà una bici super compatta che puoi mettere dove vuoi. Particolarmente indicata a coloro che abitano in città e che usano anche mezzi di trasporto, come coloro che vanno in vacanza con il camper o in macchina per esempio, perché le caratteristiche principali della bicicletta pieghevole, permettono di poter portarla dove si vuole, senza alcuna preoccupazione, perché è molto leggera e compatta, solitamente pesa meno di dieci chili, e la sua struttura ergonomica ti assicura molta comodità in viaggio.

In commercio, puoi anche trovare delle biciclette pieghevoli, con annesse rotelle, che permettono di ripiegarla e di portala come una valigia con rotelle, senza alcuno sforzo, molto comoda se la utilizzo spesso, e la devi portare con te per tragitti medio-lunghi. Sono molto in voga nelle città, sopratutto perché ti permettono di risparmiare del tempo e la loro compattezza permette di trasportarle dovunque, pensa che una buona bici pieghevole riesce a stare tra i sedili dei bus o dei treni, per esempio. La bici pieghevole, rispetto ad una bici tradizionale, permette una mobilità maggiore, che ti permette di mantenerti in forma, anche mentre vai al lavoro, per esempio. Sempre più persone si stanno rendendo conto che perdere la macchina, per fare poca strada non ne vale davvero la pena, allora che il connubio bici e trasporti pubblici, diventa una accoppiata vincente, oltre che a rendere gli spostamenti molto più veloci.

Parcheggia dove vuoi…

Non c’è dubbio che la più grande rivoluzione della bici pieghevole, consiste nella facilità di utilizzo, di trasporto, oltre che ai semplici meccanismi del telaio, che permettono una apertura e una chiusura molto semplice. Ci sono molti punti a favore, che rendono la bici pieghevole un perfetto mezzo di trasporto, molto leggero e compatto, una volta richiusa potrai riporla dove vuoi, grazie al poco spazio che occupa.

Non vi spaventate dei prezzi, la tecnologia costa, ma anche una bici normale costa, per cui cerca sul web le offerte migliori, se la desideri così tanto aspetta i saldi, ma se hai una mezza idea di acquistarla, cerca di leggere sempre le recensioni, molto utili per capire se stai scegliendo quella adatta alle tue esigenze.

Abbrustolire con il tostapane

Svegliarsi la mattina con pane appena sfornato non ha prezzo, mi vengono in mente i cartoni animati di pluto, che fluttuando nel sonno si svegliava sentendo l’odore del pane, perché effettivamente si tratta di un profumo a cui pochi riescono a resistere, e fa venire sempre molta fame. Il tostapane rappresenta un invenzione in voga sopratutto nelle cucine degli anni 60, quando eravamo all’inizio nell’introduzione di elettrodomestici SALVA TEMPO e spazio, infatti molti modelli di tostapane moderni si ripresentano in chiave vintage, ma del tutto tecnologici.

Il tostapane ci viene in soccorso, perché soprattutto oggigiorno, non abbiamo sempre tempo per passare dal fornaio, quindi si comprano le fette di pane da abbrustolire il mattino, la versione classica che si presenta con le pinze e si sviluppa verticalmente, ma in commercio si trovano anche modelli orizzontali.
Le forme dei tostapane verticali, i modelli tradizionali, o anche bombati o squadrati, e una parte che si può estrarre, che ti permette di togliere i pezzi di pane o le briciole che cadono quando si scalda.

Mentre quelli orizzontali, solitamente non hanno bisogno di un porta briciole, proprio perché sono orizzontali, ma permettono di estrarre le piastre, garantendo una pulizia davvero molto efficace. Principalmente, esistono due tipologie quindi, il modello verticale, che permette di scaldare le fette, e quelli orizzontali, che permettono anche di scaldare dei veri e propri sandwich, perché lo spazio orizzontale e le piastre da entrambe le parti, sono adatte a scaldare anche i panini, quindi fa molto più lavoro rispetto ad un tostapane tradizionale.

Tanti modelli… UNA SCELTA

Poniti le domande giuste, perché molto dipenderà dal tipo di utilizzo che intendi fare, per questa ragione, per esempio, se in famiglia preparate molti sandwich, probabilmente opterai per un modello orizzontale, allo stesso modo se siete molti in famiglia, e ti serve principalmente per la colazione del mattino o per la tisana pomeridiana, affidati ad un modello verticale, a 3 o più postazioni per le fette, in questo modo potrai abbrustolire più di due fette di pane, contemporaneamente.
Se al contrario, non hai grandi esigenze e non ne hai mai utilizzato uno, puoi cominciare acquistando un toaster tradizionale con le pinze, facendo sempre attenzione alle normative di costruzione e alla garanzia, non avrebbe senso risparmiare poco, per avere un prodotto che non vale nulla, perché si potrà facilmente rompere.

Un appunto importante sulla tua scelta, cerca un prodotto che abbia la funzionalità di auto spegnimento, perché può capitare davvero a tutti di scordarsi il pane nel tostapane, e per evitar di fare dani piccoli e grandi, opta per un modello con spegnimento automatico. Per quanto riguarda l’aspetto estetico, in commercio troverai tostapane di tutti i colori, forme e materiali, quindi non ti devi preoccupare di questo, perché troverai la combinazione giusta per te; la stessa cosa vale per la tipologia, dipende molto dall’utilizzo che ne farai e ne puoi trovare anche di professionali, in acciaio inox oppure dallo stile del tutto contemporaneo, se sei un amante dello stile moderno.

Il mitico letto a castello

I letti a castello hanno sempre avuto un ruolo particolare, soprattutto nelle camere dei più piccoli, per qualche strana ragione sembra una parte dei loro giochi, non un mobile con un utilizzo specifico, ma si sa i bambini hanno una meravigliosa fantasia. Alla base della loro creazione, c’è un concetto salva-spazio molto funzionale, che ha permesso a questa soluzione di entrare in molte case degli italiani.

Il grande aspetto positivo di questi mobili, consiste nel dare la possibilità di avere due o più posti letto, in uno spazio molto piccolo, infatti funzionano molto bene perché si presentano come soluzioni salva spazio, e considerata la grandezza degli appartamenti moderni, riesce a trovare un posto dovunque, anche nelle camerette più piccole, ecco perché ha avuto una grandissima fortuna. Oggigiorno, esistono design diversi e materiali diversi, e questo permette di trovare il modello adatto le proprie esigenze, anche in considerazione a quanto si vuole spendere, ovviamente. Prima di acquistare un letto a castello, ci sono degli accorgimenti fondamentali, che possono aiutare a non fare errori, comprando il modello giusto al primo colpo.

Per prima cosa, il tuo budget, quanto vuoi spendere, una volta deciso questo, puoi cominciare a cercare il letto a castello, seguendo sopratutto la grandezza e le dimensioni della stanza, nella quale si metterà il letto a castello, quindi importantissimo fare le dovute misurazioni. Non avrebbe senso acquistare un mobile che non entra neanche nella stanza, per questo motivo fare molta attenzione alle sue dimensioni. Potresti anche prendere in considerazione di creare un letto a castello componibile, che può diventare un letto matrimoniale oppure si trasforma in due letti singoli. Cerca una soluzione intelligente, sopratutto se stai pensando di metterlo nella camera degli ospiti, perché potrai permetterti di ospitare più persone, davvero molto comodo e funzionale.

Per quanto riguarda i modelli, ce ne sono davvero moltissimi, partendo dalla versione classica, con due letti singoli sovrapposti, alla versione classica matrimoniale, oppure con sponde e scaletta per salirvi, i preferiti dai bambini, perché sembra quasi di salire nella casa sull’albero, quindi diventa un gioco andare a dormire, anche per questo hanno riscosso molta fortuna nelle camere dei più piccoli, io stessa ho avuto un letto a castello rosso con la scaletta, è da piccola volevo dormire sempre e solo sopra. Passiamo al design e i materiali di costruzione, se ne trovano per tutti giusti, dal legno al metallo, con una scelta di colori davvero sorprendente, come quello che avevo io da piccola per esempio, rosso accesso è veramente molto comodo.

La nuove versione A PONTE?

Le ultime trovate per i letti a castello, contemplano la realizzazione di queste strutture a ponte, dando la possibilità di inserire dei mobili tra un letto e l’altro; si tratta di un concetto abbastanza rivoluzionario, ma davvero molto funzionale, perché rappresenta la scelta più salva spazio, insieme al modello a scomparsa, che sparisce nel muro. Per maggiori informazioni, consulta le offerte del web, rimarrai piacevolmente sorpresa, oltre che a trovare il modello giusto per te!

Con le cuffie wireless è tutta un’altra musica!

Siete stanchi dei fili che collegano le vostre cuffie al vostro smartphone o lettore mp3? Ne avete abbastanza di sgarbugliare i fili? Non sapete cosa fare?
La risposta la trovate in unico prodotto le fantastiche cuffie wireless, una delle ultimi trovate della tecnologia, che si sposa perfettamente con la musica. Si tratta di un grandissimo cambiamento, che permette di ascoltare la musica come vuoi e dove vuoi, senza preoccuparti dei fastidiosi fili, ingombranti e disordinati, ecco cosa promettono le cuffie wireless.

Ovviamente la tecnologia ha un costo ben preciso, per cui bisogna fare particolare attenzione a cosa si acquista, non è tutto oro quello che luccica, quindi bisogna fare le giuste considerazioni. Per prima cosa, se hai un budget abbastanza limitato ma ami la tecnologia, allora il modello a infrarossi, fa al caso tuo, perché si tratta della tipologia di cuffie wireless a buon prezzo, la stessa cosa vale per i modelli che si collegano tramite Bluetooth. Se stai pensando a delle cuffie da utilizzare in casa o vicino, allora quelle che funzionano tramite radiofrequenza fanno al caso tuo, perché permettono di ascoltare la musica a distanza ravvicinata dalla tua radio per esempio.

La loro caratteristica principale è la loro capacità di ascoltare musica senza fili, quindi dipende da che modo vuoi usarle, dipendentemente dal modello e dalla loro connessione, in base a queste caratteristiche saprai come utilizzarle e a che distanza. Quelle a radiofrequenza, per esempio, ti permettono di poter sentire la musica fino a una distanza di cento metri dalla fonte principale, che si tratti di telefonino oppure del tuo lettore mp3. Se al contrario, stai pensando di utilizzarle in giro, allora anche quelle con Bluetooth e infrarossi vanno bene per te, perché avrai la fonte di musica vicino, magari nella tasca del giubbino per esempio. Per quanto riguarda il tipo di alimentazione, puoi optare per un modello di cuffie wireless a batteria oppure con una batteria interna al dispositivo; se le utilizzi tutti i giorni cerca un modello con batterie che puoi cambiare, mentre quelle con carica interna devono essere ricaricate.

Quale design?

Ti sarà sicuramente già capitato di vedere moltissime persone, che passeggiano con delle cuffie abbastanza grandi, questo perché solitamente le cuffie wireless sono enormi, diciamo, e quindi possono anche non piacere. Fortunatamente, il mercato va incontro ad ogni tipologia, per questa ragione puoi scegliere tra moltissimi modelli con forme e colori diversi, dai design più tecnologici alle rivisitazioni delle cuffie più tradizionale, in chiave wireless.

Sul web troverai moltissime opzioni che ti permettere anno di scegliere io modello più adatto a te e al modo di sentire la musica, ma fate attenzione alla grandezza e alla forma, fondamentali per utilizzarle al meglio. La loro creazione sta alla base di musica senza intralci, quindi cerca di scegliere il modello che si adatta al,a forma della tua testa e delle tue orecchie, massimizzando l’esperienza dell’ascolto delle tue canzoni preferite, ma wireless.