vantaggi della pentola a pressione

I vantaggi della pentola a pressione

Sempre più utilizzata ed apprezzata, la pentola a pressione diventa compagna ideale nelle cucine degli italiani dalla metà degli anni 50, fino ad allora questa invenzione francese non aveva avuto una grande fortuna, ed è sempre questione di tempo. Sempre più casalinghe sono molto indaffarate,me non riescono a spendere ore intere a cucinare, tutti i giorni, per cui la pentola a pressione arriva in aiuto, promettendo ottime prestazioni in cucina.

Come funziona?

La risposta è nel suo nome. Rispetto alle pentole tradizionali, la pentola a pressione permette di manette una temperatura costante, senza fare evaporare l’acqua, mentre con le pentola classica, pur mettendo il coperchio si rischia di perdere moltissimo liquido, che evapora. La pentola a pressione, grazie alla chiusura stagna del coperchio, non permette la fuoriuscita di vapore, mantenendo una temperatura di più 100 gradi, costantemente, semplicemente assicurando il coperchio, che solitamente ha una valvola o un manico, che permette la chiusura ermetica.

Le terme partire alte della pentola a pressione permettono ai cibi di cuocersi molto più velocemente, minimizzando il tempo ai fornelli.Considerando che la temperatura nella pentola a pressione raggiunge temperature molto alte, potrebbe serene pericolo utilizzarla, per questo motivo queste pentole sono provviste di due valvole di sicurezza, una per controllo della temperatura, mentre l’altra assicura il coperchio, ed ermetizza la chiusura, per evitare dispersione di calore e vapore acqueo. Avete presente il fischio che si sente, classico della pentola a pressione? Quello è della valvola di controllo, che permette di regolare la temperatura interna della pentola, diverso dalla valvola di sicurezza che invece non permette alla tua pentola a pressione di essere aperta quando è in funzione.

Questo perché purtroppo molte persone credono che la pentola a pressione possa essere pericolosa, segui le indicazioni riportate nelle istruzioni, per utilizzarla senza impiccio, acquista un prodotto con una buona garanzia ed assicurati che segua le normative europee con indicato UNI EN 12778. Esistono modelli diversi, le ultime trovate anche le pentole con cestello, a induzione oppure elettriche che si regolano tramite display digitali, molto dipende da cosa stai cercando; la pentola pressione ti farà risparmiare moltissimo tempo in cucina, senza compromettere il sapore o la qualità dei tuoi manicaretti, anche se ovviamente, la pentola non ti permette di cucinare tutto quello che vuoi, affidati alle istruzioni, nelle quali troverai anche che tipo di cibi puoi introdurvi.

Come si usa?

La pentola a pressione può essere utilizzata per bollire, per cucinare al vapore o per brasare/arrostire, e funziona in maniera molto semplice. Comincia inserendo il cibo, aggiungici sale e qualche spezia, inserisci l’acqua, quindi chiudi il coperchio ermeticamente e accendi il fuoco.

Non mettere troppa acqua, mettine abbastanza da coprire il cibo, perché cuocerà tra mite il vapore della pentola stesso, solitamente trovi un indicatore, che segna il livello massimo di acqua che può essere inserito. Ora sei pronta per cominciare a cucinare le tue potenze al vapore, cerca la pentola a pressione giusta per te e leggi le recensioni.

pane tostato con tostapane

Abbrustolire con il tostapane

Svegliarsi la mattina con pane appena sfornato non ha prezzo, mi vengono in mente i cartoni animati di pluto, che fluttuando nel sonno si svegliava sentendo l’odore del pane, perché effettivamente si tratta di un profumo a cui pochi riescono a resistere, e fa venire sempre molta fame. Il tostapane rappresenta un invenzione in voga sopratutto nelle cucine degli anni 60, quando eravamo all’inizio nell’introduzione di elettrodomestici SALVA TEMPO e spazio, infatti molti modelli di tostapane moderni si ripresentano in chiave vintage, ma del tutto tecnologici.

Il tostapane ci viene in soccorso, perché soprattutto oggigiorno, non abbiamo sempre tempo per passare dal fornaio, quindi si comprano le fette di pane da abbrustolire il mattino, la versione classica che si presenta con le pinze e si sviluppa verticalmente, ma in commercio si trovano anche modelli orizzontali.
Le forme dei tostapane verticali, i modelli tradizionali, o anche bombati o squadrati, e una parte che si può estrarre, che ti permette di togliere i pezzi di pane o le briciole che cadono quando si scalda.

Mentre quelli orizzontali, solitamente non hanno bisogno di un porta briciole, proprio perché sono orizzontali, ma permettono di estrarre le piastre, garantendo una pulizia davvero molto efficace. Principalmente, esistono due tipologie quindi, il modello verticale, che permette di scaldare le fette, e quelli orizzontali, che permettono anche di scaldare dei veri e propri sandwich, perché lo spazio orizzontale e le piastre da entrambe le parti, sono adatte a scaldare anche i panini, quindi fa molto più lavoro rispetto ad un tostapane tradizionale.

Tanti modelli… UNA SCELTA

Poniti le domande giuste, perché molto dipenderà dal tipo di utilizzo che intendi fare, per questa ragione, per esempio, se in famiglia preparate molti sandwich, probabilmente opterai per un modello orizzontale, allo stesso modo se siete molti in famiglia, e ti serve principalmente per la colazione del mattino o per la tisana pomeridiana, affidati ad un modello verticale, a 3 o più postazioni per le fette, in questo modo potrai abbrustolire più di due fette di pane, contemporaneamente.
Se al contrario, non hai grandi esigenze e non ne hai mai utilizzato uno, puoi cominciare acquistando un toaster tradizionale con le pinze, facendo sempre attenzione alle normative di costruzione e alla garanzia, non avrebbe senso risparmiare poco, per avere un prodotto che non vale nulla, perché si potrà facilmente rompere.

Un appunto importante sulla tua scelta, cerca un prodotto che abbia la funzionalità di auto spegnimento, perché può capitare davvero a tutti di scordarsi il pane nel tostapane, e per evitar di fare dani piccoli e grandi, opta per un modello con spegnimento automatico. Per quanto riguarda l’aspetto estetico, in commercio troverai tostapane di tutti i colori, forme e materiali, quindi non ti devi preoccupare di questo, perché troverai la combinazione giusta per te; la stessa cosa vale per la tipologia, dipende molto dall’utilizzo che ne farai e ne puoi trovare anche di professionali, in acciaio inox oppure dallo stile del tutto contemporaneo, se sei un amante dello stile moderno.

incubatrice gonfiabile

La Grande invenzione inglese 2014: una incubatrice gonfiabile

Ho deciso di occupare uno spazio del blog, per parlare di una invenzione che cambierà e salverà moltissime vite, soprattutto nei paesi poveri. Si tratta di una frazione da parte di un neo laureato inglese, James Roberts, che autofinanziandosi e riuscito a vincere il prestigioso Dyson Award del 2014, grazie alla creazione di una incubatrice gonfiabile. Un giovane inventore ingegnere nato in Inghilterra, riesce ad aggiudicarsi uno dei più prestigiosi premi nel campo della Scienza. Se hai poca dimestichezza con l’argomento incubatrice, devi sapere che il loro costo risulta sempre molto alto, più di trenta mila euro a macchinario, per cui i paesi più poveri non se lo possono permettere.

Il bravissimo e giovanissimo ingegnere inglese ha creato tutto con poco più di 300 euro, e sarà più o meno questo il prezzo di vendita di MOM, Ecco come ha deciso di chiamarlo. MOM si gonfia autonomamente e può essere facilmente trasportato, perché risulta molto compatto e maneggevole al trasporto, inoltre sono delle parti create in ceramica, che riescono a condurre il calore, in modo tale da riscaldare l’incubatrice, per quanto riguarda la temperatura e i livelli di umidità interni, devono estere regolati dai dottori, in base alle condizioni dell’infante, e se si dovessero verificare delle variazioni di temperatura, MOM riesce a emettere un suono di allarme e se non dovessero esservi prese elettriche, può anche funzionare con una batteria esterna che verrà poi caricata, e che dura ben 24 ore.

Inoltre, l’incubatrice gonfiabile risulta estere conforme agli standard del Regno Unito, per ora il giovane ingegnere ha guadagnato oltre 30 mila sterline per continuare le sue ricerche, e sicuramente troverà un modo per ridurre in modo ulteriore il prezzo di questa fantastica e utilissima invenzione, che riuscirà ad essere prodotta in serie, questo quanto ci auguriamo davvero tutti. La grandezza di questa invenzione potrebbe davvero salvare la vita di moltissimi bambini, nei luoghi del mondo sfortunati, che non avrebbero possibilità di sopravvivenza, perché nei loro ospedali non hanno abbastanza incubatrici, perché costano davvero moltissimo.

Cosa dice il suo inventore appena laureato?

James Roberts rappresenta anche un ottimo esempio di come si possano creare ottime invenzioni rivolte al miglioramento delle condizioni di vita dei popoli più poveri della terra, ovviamente anche lui come altri inventori, ha avuto qualche ostacolo di percorso, qualcuno piccolo qualche d’un altro più pesante, ma non si è scoraggiato, al contrario è riuscito a creare tutto vendendo la sua macchina, per poter lavorare con qualche finanza al suo progetto, riuscendo a vincere il prestigiosissimo Dyson Award, ne sentiremo ancora molto parlare di lui, come di altri giovani menti che si adoperano per migliorare le condizioni di vita sulla terra.

oggetti riciclati

Oggetti unici e riciclati: le nuove tendenze

Quando ero piccola, durate la dura età dell’adolescenza, sopratutto la case che va dai sedici anni ai venti rappresenta sopratutto per le ragazze il momento della scoperta della propria femminilità, e molte volte si comincia presto a camminare su tacchi stratosferici e a sperimentare mille modi diversi di vestire, tutti i giorni, ricordo che in certi periodo riuscivo a cambiarmi tre volte al giorno, o meglio a modificare i miei vestiti di modo tale che sembrassero altri, la stagione che si presta meglio per la trasformazione del proprio guardaroba è sicuramente la primavera e l’estate, perché gli indumenti sono sicuramente più trasformabili, e ricordo benissimo di come riuscivamo a trasformare gonne in magliette, magliette in minimagliette, foular in magliette, insomma vere trasformazioni, e non vi dico di quanto ci siamo divertite a fare tutto ciò.

Ai giorni nostri, questa mania di riciclare diventa arte, poi design e infine una vera e propria moda, e ad alto livello. Mi riferisco al riutilizzo nuovo e originale di materiale che pensavi fosse da discarica, quindi oggetto usato che diventa nuovo perché riutilizzato in una maniera del tutto innovativa. Parlo proprio di artigianato che si fonde con il design per gli ambienti, che si fonde su una precisa etica di lavoro, con un grandissimo fervore per la fantasia e l’arte.
Ho da poco visto un programma che parlava proprio di questo argomento, e devo proprio dire che visivamente si tratta sempre di risultati originalissimi e davvero molto pratici, funzionali, che sono essere ancora utilizzati per moltissimo altro tempo. E quello che stupisce riguarda la vastità di elementi che possono estere utilizzati, cioè TUTTI, non ci sono limiti, che si decida di utilizzare un oggetto a se stante oppure una sola parte, di modo da creare qualcosa di nuovo e funzionante. Non si tratta di arte a se, ma il concetto che ispira questa funzione rappresenta proprio il risparmio, e l’evitare questa corsa al consumo della quale siamo tutti responsabili. Si tratta di vedere vecchi oggetti sono un’altra prospettiva e fare in modo che tutto sia ben organizzato, con un idea precisa su come trasformare il vecchio in nuovo funzionale.

Esiste una grande etica dietro il riciclo!

Come ho scritto all’inizio credo che una tra le cose più importanti da considerare soprattutto per quanto riguarda l’etica del riciclo, riguarda l’idea che se si può utilizzare in altro modo perché volerlo buttare? Se non sei un artista, puoi affidarti alle mani fatate dei moltissimi artigiani la fiori, saranno più che felici di poter trasformare il tuo vecchio prodotto per te!

Ci sono anche attività dei comuni stessi che promuovono questo tipo di riciclo e trasformazione, per cui non ti serve altro che informarti, per capire cosa offre il tuo comune, e se non ci fosse nulla il web ti offre moltissime notizie interessanti sulle quali prendere spunto. Se dovessi cominciare questa avventura, sappi che potrai provarci gusto, e chissà magari ti di verterai anche tu a provare a trasformare qualche vecchio apparecchio, che rimane danni a prendere polvere il garage!